Home » Prodotti » Miele » Miele di Castagno

Miele di Castagno (Castanea sativa)

Il miele di castagno costituisce una delle più tipiche produzioni uniflorali a livello italiano. Se ne producono ingenti quantità lungo tutto l’arco alpino, e lungo la dorsale appenninica, oltre che nelle zone montuose di diverse isole. E’ un miele che viene per altro prodotto anche nel resto d’Europa dove il clima è più rigido. Il miele di castagno, ricco di sali minerali, è il più indicato per chi fa vita sportiva.

Il colore del miele di castagno deve spesso la sua intensità più che alla presenza di nettari diversi da quelli del castagno, alla presenza più o meno intensa di melata.

Le confezioni dell’Ape Operaia

40g    250g   500g   1000g

Fioritura – Giugno – Luglio
Potenziale mellifero – Molto Buono

Aspetti organolettici

Esame visivo
Stato fisico
– Il miele di castagno è liquido, con un lento processo di cristalizzazione, non sempre regolare.
Colore
– E’ di colore ambrato più o meno scuro con tonalità rossastre e con tendenza a diventare sempre più scuro a seconda della quantità di melata che entra nella sua composizione.

Esame olfattivo
Intensità odore
– Il miele di castagno ha un profumo forte, deciso e piuttosto aromatico. L’umidità varia tra il 16 ed il 17.5%.
Descrizione odore
– L’odore è molto caratteristico; aromatico, pungente, acre, vegetale ed erbaceo, a volte di legno, di tannini, fenolico, amaro, di ceci lessati, di cartone bagnato, di sapone di Marsiglia.

Esame gustativo
Sapore
– Il miele monoflora di castagno ha un sapore caratteristico, forte e persistente, con retrogusto un po’ amarognolo.
Intensità aroma
– L’aroma è almeno intenso.
Descrizione aroma
– L’aroma è caratteristico, simile all’odore.
Persistenza
– è molto persistente soprattutto nella componente amara.

Proprietà terapeutiche:

Anche se marginale, nella farmacopea popolare il castagno è considerata una pianta officinale. La corteccia ha proprietà astringenti, grazie al suo alto contenuto di tannino. Viene anche utilizzato come componente nelle creme per il trattamento della pelle. L’infuso con le foglie viene consigliato oltre che per le proprietà astringenti anche come calmante della tosse e per le sue proprietà antisettiche. Da ricordare inoltre che la polpa delle castagne viene impiegata per la preparazione di maschere facciali, grazie alle sue proprietà emollienti e detergenti.

E il miele?

Eccoci. E ti pareva che le api, che ne sanno una più di tutti trascurassero di bottinare il nettare da un albero così imponente, generoso, addirittura monumentale? Impossibile. A loro non poteva scappare, e infatti il miele di castagno è uno dei più importanti tra i mieli di produzione nazionale. Fortunatamente è anche più diffuso del prezioso miele di corbezzolo (anche se in anni recenti è insorto qualche nuovo problema, come vedremo più avanti) e vanta inoltre parecchie proprietà che derivano dal castagno, il più antico e nobile albero d’Europa.

Proprietà del miele di castagno

Può capitare a chi lo dovesse assaggiare la prima volta, avendo in memoria il sapore del miele come inteso da tutti, di rimanere un po’ perplesso. Il colore è abbastanza scuro, l’odore pungente, ed il sapore è vagamente amaro. Vuoi vedere che è una brutta copia del miele di corbezzolo? Certo che no.Nonostante il singolare sapore, o forse proprio per questo il miele di castagno sta crescendo in popolarità, sta conquistando sempre più il favore del consumatore e per fortuna si trova ancora, anche se la sua presenza sul mercato si va riducendo molto velocemente, come le castagne, per colpa di un parassita arrivato dalla Cina, via Giappone, come vedremo dopo. Chi non ama i gusti troppo dolci può trovare nel miele di castagno quello che va cercando, trattandosi di un miele di carattere che più che come dolcificante è perfetto come insaporitore o aromatizzante. Provarlo su una fetta di pane tostato con burro significa dischiudere una rivelazione: la scoperta di un’inedita sinfonia di sapori. Con la ricotta poi… e provare a presentargli un formaggio stagionato, tipo il grana padano o il parmigiano reggiano?
Da non dimenticare infine che per le sue caratteristiche peculiari il miele di castagno è il più indicato tra i numerosi tipi di miele in tutti i casi di cattiva circolazione del sangue, è consigliato alle persone anemiche, a chi soffre di affaticamento e di astenia e a chi si propone di riguadagnare peso

 

I consigli dell’Ape Operaia:

E’ il più ricco di sai minerali e per questo molto apprezzato dagli sportivi, ottimo abbinato al Grana Trentino che ne esalta la naturale dolcezza.

Analisi chimico-fisica

Proprietà unità di misura m* ds*
Acqua g/100g 17,5 0,9
HMF mg/kg 1,7 1,7
Diastasi ND 24,5 5,2
Invertasi NI 21,6 4,0
Conducibilità elettrica mS cm-¹ 1,40 0,24
pH 5,3 0,5
Acidità libera meq/kg 13,4 3,3
Lattoni meq/kg 1,7 1,1
Acidità totale meq/kg 15,1 4,0
Fruttosio g/100g 41,9 2,0
Glucosio g/100g 26,4 1,5
Saccarosio g/100g 0,04 0,06
Maltosio g/100g 0,8 0,9
Isomaltosio g/100g 1,9 0,9

* media, ** deviazione standard